Il primo esempio in occidente sembra sia stato Somereset Court, in Brent Knoll - Somerset, nel meridione dell’Inghilterra. Fondato nel 1974 da “Society for Autistic Children” (ora National Autistic Society) e Sybil Elgar, pioniere nella educazione e cura dei bambini e adulti con autismo. Dispone di 26 acri (10,5 ha) di terreno nei pressi della località balneare di Burnham-on-Sea a soli cinque minuti di auto dal villaggio locale. Le residenze sono distribuite in sette case,  che permettono alle persone di vivere in piccoli gruppi con l'aiuto di personale specializzato. Ognuno ha una propria camera da letto.

Nel 1982 fu inaugurata in Irlanda Dunfirth Farm, 70 acri (28 ha) a 30 miglia da Dublino, vicino al villaggio di Johnstown Bridge a nord di Kildare. Oggi ospita 34 persone con autismo supportate da circa 60 persone con formazione specifica. Nello stesso anno aprì Ny Allerødgård in Danimarca.

Nel 1983, fu inaugurata in Ohio, Bittersweet Farms, la prima comunità agricola per persone con autismo del Nord America. L’ideatrice fu Ruth Bettye Kay, insegnante ed attivista che si dedicava all’insegnamento delle persone con autismo. Dopo aver visitato la comunità agricola di Somerset Court ed un incontro con  Dame Sybil Elgar, si rese conto che, come i suoi studenti "fuori età" della sua scuola, il futuro era desolante, consistente in una vita di lavoro noioso, ripetitivo e spesso appositamente creato nei laboratori, oppure una vita con i genitori anziani ovvero in un istituto psichiatrico. La comprensione di queste implicazioni la portò ad organizzare, insieme ai genitori ed ai professionisti, una comunità agricola in cui le persone con autismo potevano lavorare, giocare, vivere, crescere e sviluppare  tutta le loro potenzialità.

Sempre nel 1983, in Spagna iniziò ad operare La Garriga, fu fondata anch'essa da genitori ed oggi è una realtà molto importante. Dal 1998 un progetto promosso dal Dipartimento del Lavoro della Catalunya e dall'Unione europea, ha condotto uno studio pilota sul lavoro assistito per le persone con autismo. Le conclusioni sono state molto positive: gli adulti con autismo possono effettivamente beneficiare del sostegno nello svolgimento del lavoro. I programmi devono includere metodologie e tecniche specifiche. Lo sviluppo di tali programmi aumenta la motivazione e l’attenzione e sono uno strumento terapeutico efficace per il trattamento di questo gruppo di persone. In particolare, si è registrato un miglioramento delle competenze di base nel lavoro e la riduzione dei problemi comportamentali associati al disturbo autistico.

Nel 1985, Carlene, insieme al marito, Jack, acquistò una proprietà di 10 acri a Cornville, Arizona. Fu l'inizio di Rusty Morningstar Ranch, chiamato col nome del loro figlio, Rusty. Avevano da tempo capito che Rusty e altri adulti con autismo, avrebbe avuto bisogno di un luogo sicuro e amorevole in un ambiente rurale. Carlene si gettò nel difficile e arduo compito di trovare un posto adatto, attraversando il pantano senza fine di adempimenti burocratici connessi per ottenere le licenze. Carlene Armstrong,  fondatore, direttore esecutivo e presidente del consiglio di amministrazione, divenne un attivista e un avvocato per la popolazione adulta autistica in Arizona e in tutto il paese. Ha lavorato instancabilmente per loro conto. Nonostante le molte difficoltà personali, gli insuccessi finanziari e altri sacrifici, i suoi sogni sono diventati realtà. Oggi Rusty Morningstar Ranch è una casa per gli adulti che soffrono di questo disturbo.  La sua filosofia ed il suo approccio sono stati riconosciuti come un modello ed un esempio da seguire .

Il 1987 fu la volta del Leo Kannerhuis , “Centrum voor autisme”, in Olanda che oggi presenta un’offerta di servizi molto ampia e qualificata per le diverse età. E’ finanziato dallo stato e nel 2004 il costo giornaliero per residente era di 250$.

Sempre nel 1987 iniziò ad operare in Francia La Pradelle, nella regione del Saumane, in un sito di 60 acri (24 ha), con un programma modello pionieristico.  E’ finanziato dallo stato. dalle comunità locali e, a completamento, anche tramite la vendita dei prodotti agricoli e dei laboratori di “La Pradelle”. E' basata sul  lavoro come fondamento di contatti sociali, di sviluppo e di comunicazione.

C'è una grande richiesta dei prodotti di La Pradelle tra la popolazione vicina.Vengono forniti generi alimentari locali (prodotti da forno, biscotti, salumi), che una volta alla settimana sono venduti al mercato.

Ancora nel 1987 in Germania prese corpo Hof Meyerwiede, nei pressi di Etelsen.

Il 2000 fu la volta della prima farm community in Nuova Zelanda, Impact OASIS, con la specifica missione di promuovere l'inclusione e l'accettazione delle persone con autismo nelle comunità locali, attraverso la creazione di centri agricoli che prevedono lo sviluppo del lavoro e l'interazione con la comunità. Le persone con autismo sono naturalmente in sintonia con il ritmo della natura e delle stagioni. Allevamento e l'agricoltura sono collegati al calendario naturale. Le persone con autismo sono pensatori concreti ed i lavori agricoli mostrano i risultati quasi immediatamente. La collaborazione con i colleghi non disabili offre opportunità naturali per interventi terapeutici.

Sempre nel 2000 nel New Messico nasce Mandy's Special Farm fondata da una organizzazione no profit di familiari, con l’obbiettivo di ospitare giovani donne con autismo.

Nel 2003, all’interno del programma  TEACCH, GHA Autismo inizia, ad  Albemarle in North Carolina, la costruzione di Carolina Farms, un nuovo ed innovativo programma progettato per consentire agli individui della popolazione autistica di realizzare il sogno di vivere e lavorare in un ambiente agricolo nella bella Stanly County. Carolina Farms è utilizzato anche come luogo, per i professionisti nazionali ed internazionali, dove svolgere la propria formazione, gli studi di metodi di trattamento e raccolta dei dati sull'autismo.

Nel 2002 nasce Cascina Rossago a Ponte Nizza (Pavia), pensata e realizzata dalla Fondazione Genitori per l’Autismo. Ancora una volta gli attori principali sono i genitori ed i familiari delle persone con autismo.

Da allora sono sorte numerose altre iniziative in tutto il mondo, nella mappa che segue sono indicate le farm community del consorzio ACAA -  Agricultural Communities for Adults with Autism.

fcmap

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Lasciaci la tua e-mail, ti terremo aggiornato!

Grazie per la tua mail!