PENSARE IN IMMAGINI e altre testimonianze della mia vita di autistica

Temple Grandin
Erickson

Con questo racconto-saggio «dall'interno» del suo autismo, Temple Grandin -- affermata studiosa di Scienze del comportamento animale e autorevole personalità nel campo dell'autismo -- fornisce un documento umano davvero unico e affascinante.
Nelle pagine di questo libro l'autrice apre una finestra sulla sua vita con l'autismo e -- integrando la sua esperienza con quella di altri autistici e con i dati della letteratura scientifica -- indaga le peculiarità del vissuto interiore, della cognizione e delle emozioni delle persone con questa sindrome.
Scoprire, nell'autismo, spiccate abilità di pensiero visivo e associativo permette di gettare una nuova luce su questo disturbo e di individuare possibili strade per migliorare la qualità della vita di chi ne soffre.
Una lettura preziosissima e ricca di spunti per genitori, insegnanti, psicologi, educatori, e per tutti coloro che, in un modo o nell'altro, sono a contatto con l'autismo e con le sue «zone d'ombra».

 

UN’ALIENA NEL CORTILE

Claire Sainsbury
Uovonero 

Claire Sainsbury aveva vent'anni quando lesse le caratteristiche della sindrome di Asperger e si riconobbe nella descrizione. "La diagnosi fu un enorme sollievo per me. Finalmente i miei problemi avevano un nome e gli altri potevano dire: ecco che cosa ha Clare, non si tratta di una mancanza di impegno o della voglia di fare la difficile".
Questo libro straordinario, vincitore del Best Academic Book Award del supplemento educativo del Times, nasce dal desiderio di Claire di raccontare la propria storia, con particolare riguardo alle esperienze avute a scuola, per evitare che altri come lei diventino oggetto di derisione o di prepotenze. Perché nessun altro passi le ore di ricreazione in un angolo del cortile pensando di essere un alieno.
"Sogno che un giorno un’astronave scenderà dal cielo sull’asfalto di fronte a me, e ne usciranno delle persone che mi diranno: «È stato tutto un terribile errore. Non saresti mai dovuta essere qui. Noi siamo il tuo popolo e siamo venuti per riportarti a casa».

 

NESSUNO IN NESSUN LUOGO 

Donna Williams
Armando Editore 

Questo è un libro provocatorio, eloquente e in un certo qual modo divertente: costituisce il tributo ad un'anima che ha vissuto direttamente l'esperienza dell'autismo e che riesce a sopravvivere nonostante l'ambiente ostile, l'incomprensione ed un intenso caos interiore. L'opera descrive come, contro ogni pregiudizio, L'Autrice sia riuscita a vivere una vita indipendente, ad ottenere un ruolo all'università e a scrivere questa notevole autobiografia che è divenuta un best seller internazionale.

 

QUALCUNO IN QUALCHE LUOGO 

Donna Williams
Armando editore 

Questo è il racconto autobiografico di una donna che ha lottato a lungo contro una parte di sé per uscire da un luogo che, sin dalla nascita, è stato allo stesso tempo il suo rifugio e la sua prigione. Dopo il best seller internazionale Nessuno in nessun luogo, in cui descrive la condizione di isolamento determinata dall’essere autistica, Donna Williams narra in queste pagine il suo percorso difficile e faticoso intrapreso dopo l’uscita dal suo mondo per entrare nel mondo di tutti; un passaggio ad alto rischio perché ha significato per lei “rendersi vulnerabile, racconta il suo progressivo inserimento nella società costellato da incontri con persone, luoghi e cose, dalle sedute con lo psicologo alle sue esperienze di lavoro, il tutto narrato attraverso il filtro di varie e mutevoli emozioni, quelle che per anni Donna non era riuscita a riconoscere e che ora, attraverso questo libro, emergono come prove di un’avvenuta rinascita.

 

IL MIO E IL LORO AUTISMO 

Donna Williams
Armando Editore 

Donna Williams offre questo libro ai professionisti e agli insegnanti perché, attraverso parole di una persona autistica, riescano a ricomporre i puzzles che ne compongono l'essenza. Si rivolge ai genitori perché attraverso la sua esperienza sia loro più facile capire i figli e aiutarli. Parla a chi condivide con lei la vita autistica indicando le vie che tanti di loro possono, come lei, percorrere per trovare se stessi, i propri limiti e le proprie potenzialità. Seppur difficile in qualche sua parte, e questo un manuale prezioso, ricco di nuovi approcci, strategie, suggerimenti e idee.

 


GUIDA ALLA SOPPRAVIVENZA per persone con sindrome di Asperger 

Marc Segar-Lem Libraria 

La Guida alla Sopravvivenza è stato uno dei primi testi in cui qualcuno di noi si è imbattuto quando ha scoperto di essere autistico a sua volta.
Marc scrisse questo testo per persone come lui, e per coloro che vi hanno a che fare: genitori, amici, insegnanti, per cui la Guida può essere una traccia utilissima per decodificare comportamenti e reazioni, per costruire una relazione positiva con una persona autistica, per calarsi nello spettro, per non averne paura.

 

UNA VITA DA REGINA DI CANI

Luisa di Biagio
Erickson 

Questo volume nasce dall’esigenza di aiutare — nel racconto di vita di una persona Asperger — tutti coloro che si trovano ad affrontare la neurodiversità. Luisa di Biagio, rivelando se stessa, la sua professione e l’amore incondizionato e corrisposto per i cani, prova a rispondere ai più comuni interrogativi sulla Sindrome di Asperger. Attraverso una scrittura cruda e diretta accompagna il lettore in una riÿessione sull’importanza dell’integrazione tra neurodiversi e neurotipici e sull’educazione al cambiamento e all’avvicinamento reciproco.

 

LE ALTERAZIONI SENSORIALI NELL’AUTISMO E NELLA SINDROME DI ASPERGER 

Olga Bogdashina
Uovo nero 

La capacità di percepire correttamente gli stimoli ambientali è fondamentale in molte aree dell’agire sociale e comunicativo. Sebbene le persone affette da autismo vivano nello stesso mondo fisico e abbiano a che fare con la stessa “materia grezza” delle persone senza autismo, il loro mondo percettivo è radicalmente diverso. È riportato da molte fonti che le persone autistiche hanno esperienze percettive “insolite”.In questo libro Olga Bogdashina tenta di definire il ruolo dei problemi nelle percezioni sensoriali nell’autismo così come essi vengono raccontati dagli stessi individui con autismo. Un libro di enorme importanza per permettere a insegnanti e altri professionisti che lavorano con individui autistici di capire pienamente le differenze di percezione sensoriale nell’autismo e quanto esse siano alla base di molti comportamenti altrimenti inspiegabili.

 

 

IL LABIRINTO DEI DETTAGLI 

Hilde De Clerq
Erickson

Thomas, il figlio dell'autrice, è un bambino autistico. Si fida delle donne bionde con la coda di cavallo come la sua mamma; quando il nonno va via, lo saluta solo se viaggia nella macchina verde; adora il gelato, ma il pistacchio deve essere in fondo, l'arancia in mezzo e la fragola in cima. Attraverso il racconto della sua esperienza con Thomas, l'autrice mostra -- con la tenerezza di una mamma e il rigore di uno studioso -- come una caratteristica chiave dello stile cognitivo nell'autismo sia il «pensare in dettagli», cioè un'estrema sensibilità ai particolari, da rilevare e combinare in gran numero prima di riuscire a trarne un insieme unitario e dotato di senso. Descrive inoltre le conseguenze di questa specifica modalità cognitiva sulla triade delle difficoltà nella comunicazione, comprensione sociale e immaginazione, con indicazioni importanti per lo sviluppo di programmi educativi e di relazioni positive con le persone con autismo. Quando mi viene chiesto di raccomandare un libro che sia facile da leggere per chiunque e che spieghi il pensiero autistico (o «l'autismo dal di dentro»), dico sempre: «Leggete il libro di Hilde». Theo Peeters

 

L’AUTISMO DA DENTRO 

Hilde de Clerq
Erickson
 
Esiste una vastissima letteratura sull’autismo, che ne analizza e descrive ampiamente, e nelle più svariate prospettive, le manifestazioni, le problematicità e le possibili cause. Tuttavia, questa abbondanza di studi e ricerche è spesso accomunata da una visione di superficie, che non riesce ad andare oltre la parte visibile di un disturbo così complesso, la punta dell’iceberg, per utilizzare una metafora nota. Cosa c’è nella parte sommersa? Quali sono i meccanismi sottostanti che, se ignorati, non permettono una reale e corretta lettura dei bisogni di queste persone?
In questo libro, pieno di rispetto e di tenerezza per le persone con autismo, Hilde De Clercq — madre di un ragazzo con autismo ed esperta di fama internazionale — va in profondità spiegando, anche attraverso numerose situazioni di vita vissuta, come lo stile di pensiero autistico sia differente da quello «neurotipico» e influenzi l’immaginazione, la comunicazione e le relazioni in tutti gli aspetti della vita quotidiana. Porta così alla luce le origini delle difficoltà e peculiarità tipicamente connesse al disturbo, sottolineando la necessità di comprendere come vede e vive il mondo una persona con autismo.
In breve, bisogna cercare di comprendere l’autismo dal di dentro, sforzarsi di vedere il mondo come lo vive una persona con autismo.
L’autismo da dentro è uno dei libri di maggior successo di Hilde De Clercq. È stato tradotto anche in inglese, svedese e polacco, e sono previste le pubblicazioni in ungherese, rumeno, spagnolo.

 

 

COSA TI MANCA PER ESSERE FELICE

 Simona Atzori-Mondadori

 

 

 

QUANDO IMPARI AD ALLACCIARTI LE SCARPE 

Michela Capone
Delfino Editore

E’ la riflessione - denuncia del magistrato Michela Capone,. Narra la sua storia di mamma di un bambino disabile esprimendo con grande efficacia le preoccupazioni, le ansie ed i drammi e le difficoltà comuni a tante mamme e tanti genitori di bambini disabili. Il libro denuncia l’indifferenza ed il disinteresse del sistema socio-sanitario e mette in evidenza i muri della burocrazia.
La lettura è avvincente e incisiva, un libro molto bello che si legge tutto d’un fiato. Chi ha dovuto percorrere strade simili difficilmente non si ritrova e la sua lettura richiama alla memoria tanti episodi della propria esperienza.
La prima edizione è terminata in pochissimi giorni ed è già in ristampa.
Michela, che ringraziamo, ha scelto di cedere i diritti d’autore all’Associazione Peter Pan.

 

UN MONDO A PARTE 

Bruno Furcas
Arkadia

Ninni è un ragazzo vero, buono e simpatico, una bellissima persona che tutti i giorni è costretta a superare enormi ostacoli, alcuni nascono dalle sue difficoltà personali, altri e sono molti di più, li costruiamo noi, cinicamente e senza pietà. Si legge chiaramente l’impegno e la fatica che hanno patito Fabio, il dirigente scolastico e Bella per capire Ninni e per aiutarlo lottando, responsabilmente, tutti i giorni contro tutti. E’ altrettanto facile comprendere quale grande sforzo è stato imposto a Ninni. Cosa deve sopportare nel silenzio delle sue difficoltà.
Bruno nella sua piacevole narrazione attenta a descrivere correttamente i fatti, rappresenta una storia dove sono evidenti alcuni aspetti ricorrenti in tanti casi che sono di fatto i grandi limiti del sistema scuola. Un sistema che non c’è e che delega tutti gli oneri ai singoli insegnanti i quali spesso da soli non possono far altro che registrare una sconfitta personale e professionale.
Ninni arriva scuola e gli viene assegnato un insegnante di sostegno che, probabilmente, ha una esperienza ed una formazione diversa e che non sa nulla di autismo. E’ come chiedere a chi insegna Matematica, di far Latino. Corre dal medico per farsi consigliare, il quale radicalizza i consigli indicando un unico strumento, a volte validissimo coma le tecniche comportamentali, ma dipende da caso a caso, da come e quanto la si effettua. L’insegnante decide di seguire i consigli dello specialista senza avere le capacità e l’esperienza, li applica meccanicamente; Il risultato non poteva essere diverso.
Scatta però un meccanismo anomalo, un fatto raro, Fabio, Bella e la dirigente reagiscono con grinta e cuore. Il dirigente si assume la responsabilità di sostituire l’insegnante di sostegno, cosa quasi unica e Fabio e Bella fanno squadra coinvolgendo tutta la classe che accetta con entusiasmo. Qui si chiude il cerchio magico e si apre il percorso virtuoso che consente a Ninni di essere persona ed ai compagni di classe di crescere davvero di fare classe e di migliorare il proprio profitto scolastico. Tutto ciò rende questa storia molto bella, quasi unica tanto che anche il Presidente Ciampi ed il Papa hanno voluto conoscerla.
Bruno Furcas, che ringraziamo, ha scelto di devolvere i diritti d'autore all'associazione Peter Pan.

 

IL NOSTRO AUTISMO QUOTIDIANO 

Carlo Hanau
Erikson

Un aspetto meno conosciuto, non solo ai profani ma a volte anche agli addetti ai lavori, è quello della vita quotidiana e concreta, fatta di persone prima che di diagnosi e di realtà di tutti i giorni, prima che di ipotesi. È proprio questa dimensione, di fatto la più autentica, che viene svelata in questo libro attraverso le storie di un gruppo di genitori che ogni giorno, con modalità diverse, vivono con i loro figli e il loro autismo. Il filo rosso che percorre e unisce le varie storie è il coraggio di andare avanti, cercare di trovare delle soluzioni e di compiere scelte senza mai arrendersi alle avversità. Queste avversità sono in primo luogo quelle della sorte, che ha portato l'autismo in quella famiglia attraverso un difetto cromosomico, un attacco virale o altro, e purtroppo molte volte l'ignoranza e l'incapacità di chi, per compito istituzionale, dovrebbe aiutarla.La profonda dignità e lucidità che traspare da ognuna di queste storie sarà di conforto per le persone che vivono situazioni simili a quelle descritte e un invito a valorizzarne il ruolo e le risorse per chi lavora con loro.

 

INTERVENTO PRECOCE PER BAMBINI CON AUTISMO-Un manuale per genitori e specialisti

Catherine Maurice- Gina Green- Stephen C. Luce

Manuale per genitori e specialisti in italiano. Scritto da Catherine Maurice madre di due figli autistici con diagnosi di autismo severo fatta da noti neurologi di New York City, guidati da lei ad una "completa guarigione" con una tecnica intensiva di modificazione comportamentale precoce, utilizzando il programma comportamentale di Lovaas.

 

VERSO L’AUTONOMIA-La metodologia TEACCH del lavoro indipendente al servizio degli operatori dell’handicap

Enrico Micheli- Marilena Zacchini
Vannini Editrice
 
La metodologia TEACCH del lavoro indipendente al servizio degli operatori dell’handicap.
Manuale pensato per persone (bambini,adolescenti e adulti) colpite da disabilità che impediscono loro di comprendere agevolmente il mondo e le regole che lo governano; disabilità particolarmente evidenti nelle persone affette da Autismo o da Ritardo Mentale con problemi di comunicazione. Utile strumento di lavoro per genitori, insegnanti ed educatori.
Sono illustrate le diverse e fondamentali componenti del metodo “TEACH” : - cosa occorre insegnare oggi;
- come scegliere gli obbiettivi del p.e.i. in funzione delle priorità e potenzialità della persona disabile;
- come sviluppare il lavoro in modo che la persona possa svolgere le attività in totale indipendenza;
230 schede con fotografie a colori esemplificano la diversa natura dei compiti, corredata da una sintetica descrizione delle aree coinvolte, degli obiettivi, e dell’età dello sviluppo a cui è riferibile il compito. E' l'ultima fatica del caro ed insostituibile Enrico

 

STRATEGIE VISIVE E COMPORTAMENTI PROBLEMATICI - Gestire i problemi comportamentali nell'autismo attraverso la comunicazione 

Linda A. Hodgdon
Vannini Editrice

Linda Hodgdon, la terapeuta del linguaggio americana che da oltre 25 anni si occupa dei bisogni comunicativi di soggetti che hanno ricevuto diagnosi quali autismo, disturbi comportamentali e gravi patologie del linguaggio e il cui lavoro ha conseguito l’attribuzione del “Programma dell’Anno” al Macomb Autistic Program del Michigan. Questo volume in particolare ha tutti i requisiti di praticità e operatività che hanno determinato il grande interesse riscosso dal precedente. E’ infatti una guida pratica per intervenire in modo semplice ed efficace sui comportamenti problematici mostrati frequentemente da bambini e ragazzi con disturbi dello spettro autistico o con disabilità evolutive che coinvolgono gli aspetti comunicativi. In questo volume vengono approfondite soprattutto le aree dei bisogni primari e più frequenti, attraverso una metodologia regola-esempio e un approccio pragmatico (domande-risposte-procedure) molto efficaci. Educatori e professionisti del settore potranno trovare una serie di suggerimenti per modificare con soddisfazione le relazioni quotidiane da cui hanno origine le difficoltà. Una risorsa fondamentale per chi opera a fianco di ragazzi autistici: quello che professionisti, insegnanti di sostegno e genitori definiscono “Ciò che avevamo sempre aspettato…”. 

 


STRATEGIE VISIVE PER LA COMUNICAZIONE 

Linda A. Hodgdon
Vannini Editrice

Guida pratica per l’intervento nell’autismo e nelle gravi disabilità dello sviluppo
Uno straordinario manuale utile per genitori, insegnanti e terapisti.Questo libro è una raccolta di idee e di tecniche: è il modo in cui alcuni professionisti hanno aggiunto, alle conoscenze teoriche e ai risultati della ricerca, un pizzico di sperimentazione creativa trasformando il tutto in un training ricco di significati e in una progettazione di ausili per soggetti affetti da disabilità comunicative, moderate e gravi. Le informazioni contenute in questo libro sono state raccolte durante anni di lavoro con persone affette da patologie come: Autismo, Ritardo mentale, Disturbo d’apprendimento, Disturbo da deficit d’attenzione e disturbi dell’emotività.

 

SVILUPPARE LE RELAZIONI NEI DISTURBI AUTISTICI 

Steven E. Gutstein e Rachelle K. Shelley
Erickson

Le attività di base: prestare attenzione, riferimento sociale e collaborazione
Sviluppare le relazioni e instaurare rapporti veri e duraturi con gli altri richiede metodi di apprendimento appropriati, soprattutto in soggetti con disturbi autistici. Quest’opera nasce con il preciso intento di aiutare bambini, adolescenti e adulti affetti da disturbi pervasivi dello sviluppo, autismo e sindrome di Asperger a sviluppare e a potenziare abilità fondamentali come la relazione in ambito sociale, la regolazione del comportamento, la reciprocità nella conversazione e la sincronia delle azioni. Il percorso proposto è articolato in sei livelli, suddivisi in due volumi: il primo dedicato ai bambini piccoli, il secondo rivolto a bambini più grandi, adolescenti e adulti. L’opera è organizzata in diverse aree tematiche, tra le quali: amicizia, attenzione, coinvolgimento, collaborazione, comunicazione verbale e non verbale, sincronismo, creatività, emozioni, flessibilità e umorismo.
Il presente volume, che contiene i primi 3 livelli, è dedicato a bambini dai 2 ai 9 anni e propone semplici giochi ed esercizi associati a obiettivi chiari e verificabili per permettere di valutare con facilità i miglioramenti progressivi.

 

ATTIVITA’ DIDATTICHE PER AUTISTICI 

Schopler- Lansing-Waters
Masson

Un vero e proprio manuale, ricco di suggerimenti operativi, espressi sotto forma di schede, (in cui è tradotto il background teorico del metodo TEACCH), utili per impostare un’azione didattica ed educativa rivolta ai soggetti che presentano disturbi di tipo autistico.
Il metodo TEACCH (Treatment and Education of Autistic and related Communication Handicapped Children) è stato sperimentato con successo, da più di trent’anni, negli USA e negli altri Paesi europei; esso concentra l’attenzione pedagogica e psicologica sul soggetto autistico, richiedendo la collaborazione attiva dei familiari, affinché sia garantita la continuità
educativa e didattica. Attualmente fuori produzione.

 

IL LINGUAGGIO VERBALE NELL’AUTISMO 

Drake, Freeman
Erikson

Ha origine da "Teach Me Language", manuale per bambini autistici che ogni Speech Language Pathologist americana porta sotto il braccio. E'un manuale pratico utilizzabile da terapisti, insegnanti e genitori. L'associazione Peter Pan l'ha fatto tradurre a proprie spese, ha chiesto ad Enrico Micheli di adattarlo alle abitudini Italiane, Erikson ha acquistato i diritti d'autore e lo pubblica.
Ha colmato, secondo noi, un vuoto importante.
Il volume è rivolto ai logopedisti, agli insegnanti di sostegno e ai genitori che lavorano e vivono con bambini e ragazzi affetti da autismo, sindrome di Asperger e altri disturbi pervasivi dello sviluppo. Attraverso schede, attività e giochi, le autrici presentano un programma completo per affrontare le difficoltà del linguaggio verbale più comuni nei disturbi dello spettro autistico, che contribuiscono a esacerbare i problemi relazionali e comunicativi tipici di tali patologie. All'interno di un approccio comportamentale, il libro sfrutta e valorizza le peculiari abilità visive dei bambini con autismo proponendo esercizi per la facilitazione dell'apprendimento di alcuni aspetti della grammatica, l'accrescimento del lessico e della cultura generale, l'affinamento delle competenze verbali e l'insegnamento di concetti base, tutti orientati alla conquista di una maggiore autonomia sociale. Chiare indicazioni degli obiettivi da raggiungere, dei prerequisiti necessari per lavorare su una determinata competenza, degli ostacoli che possono nascere, nonché di come generalizzare ed estendere le capacità acquisite a contesti più generali, accompagnano le varie attività. Le schede alla fine del volume possono essere fotocopiate e facilmente adattate alle esigenze del singolo bambino.

 

 IL LIBRO DELLE STORIE SOCIALI 

Carol Gray
Vannini Editrice

I bambini con autismo ad alto funzionamento e/o gli Asperger hanno una visione diversa del sociale e difficilmente condividono le nostre stesse regole, cosa che li fa sembrare persone e con poche regole di condivisione sociale. Le storie sociali aiutano a sviluppare le capacità da utilizzare nei rapporti sociali, migliorano la comprensione delle regole sottintese e presenti in tutti i tipi di relazione. La storia sociale non è altro che una storia, appunto, che mette in luce i comportamenti sociali attesi e le motivazioni di questi.
Carol Gray la descrisse per la prima volta nel 1991 spiegando che doveva essere: "una descrizione semplice, agevolata da foto o disegni, che serve appunto a descrivere una persona, un evento, un concetto o una situazione sociale e tenta di guidare l'individuo verso una regola o risposta nuova e adatta ad una situazione sociale comune o problematica".
Le storie sociali vanno scritte in modo molto individuale, seguendo le esigenze particolari di ogni bambino.
Questo libro è un catalogo di idee e una serie di esempi di queste piccole storie che vengono offerte a una persona con autismo e a chi vive con lei per imparare modi nuovi e migliori di stare insieme e di vivere esperienze quotidiane di natura sociale.

 

STORIE SOCIALI PER L’AUTISMO  

Caroline Smith
Erickson

Questo libro è una guida che spiega nel dettaglio come inventare nuove storie sociali da sottoporre a bambini e adolescenti con autismo. Riporta alcuni esempi di storie che sono state utilizzate con successo dall'autrice, oltre che schede dalle quali partire per creare nuovi racconti. Ogni storia prende spunto da situazioni di vita reale, e spiega come ci si deve comportare in situazioni simili. Un volume che aiuterà chi lavora con bambini e ragazzi dai 3 ai 16 anni con disturbi dello spettro autistico a migliorare il loro atteggiamento sociale.

 

 

COMUNICAZIONE E RECIPROCITA’ SOCIALE NELL’AUTISMO 

Kathleen Ann Quill
Erickson

All'interno di una cornice teorica completa e dettagliata, l'autrice raccoglie le strategie di insegnamento e le tecniche educative che si sono rivelate più efficaci per promuovere la comunicazione e la socializzazione nei bambini con autismo; lo fa guidata dal principio che, per essere veramente validi, gli interventi devono essere individualizzati, basati sulle esigenze e i punti di forza di ciascuno di loro, e adattati al peculiare stile di apprendimento che caratterizza l'autismo.
Ciò che unifica i vari contributi di questo libro è la necessità di guardare e percepire il mondo con gli occhi del bambino: rispettare il suo punto di vista è la chiave per attivare un repertorio di comportamenti e di competenze relazionali che gli consenta di comprendere e districarsi nel labirinto delle situazioni sociali, favorendo autonomia, flessibilità e autocontrollo. Una risorsa preziosa per genitori, insegnanti, professionisti, e per tutti coloro che hanno a cuore il suo benessere e la sua integrazione nella società.

 

LINEE GUIDA PER L’AUTISMO - Diagnosi e interventi 

SINPIA
Erickson
 
Sebbene negli ultimi vent'anni la conoscenza del disturbo autistico sia aumentata e migliorata in maniera sostanziale, il permanere di incertezze riguardo l'eziologia, la definizione dei quadri clinici e i processi di presa in carico mantiene un certo disorientamento tra gli operatori coinvolti nella diagnosi e nella formulazione del progetto terapeutico.
Per superare le insicurezze ed evitare che si ripercuotano negativamente sui genitori e sulla tempestività ed efficacia del trattamento, è emersa da parte della Società Italiana di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza l'esigenza di elaborare delle linee guida condivisibili sul territorio nazionale.
Tali linee guida, presentate in questo volume, consistono in una serie di indicazioni, raccomandazioni e suggerimenti, ricavati dalla letteratura internazionale, che si pongono come punti di riferimento per genitori e/o operatori di vario livello: medici di famiglia, pediatri di base, neuropsichiatri infantili, psicologi, terapisti e educatori.

 

TEORIA DELLA MENTE E AUTISMO. Insegnare a comprendere gli stati psichici dell'altro 

Baron-Cohen S., Howlin P., Hadwin J.
Centro Studi Erickson, 1999 

Questo volume si rivolge a insegnanti, educatori e genitori di bambini autistici in età scolare ed è uno dei primi tentativi di applicazione nella pratica didattica quotidiana della Teoria della Mente, che fa risalire il deficit interpersonale e comunicativo dell'autismo a una mancata comprensione degli stati mentali propri e altrui. Il testo entra nel vivo della pratica didattica, con schede per insegnare il riconoscimento di emozioni, la comprensione delle conoscenze dell'interlocutore e lo sviluppo del gioco simbolico. La struttura a schede di semplice consultazione, la chiarezza del linguaggio utilizzato e il solido supporto scientifico della teoria di partenza fanno del manuale uno strumento interessante e innovativo per insegnare, migliorare o rafforzare la dimensione sociale nei soggetti autistici con un'età verbale "uguale o superiore ai 5 anni".I bambini autistici incontrano particolari difficoltà nel ragionamento sugli stati mentali e si è suggerita l'ipotesi che tale deficit si trovi alla base di molte anomalie dello sviluppo caratteristiche di questo disturbo.
La "teoria della mente" richiama l'abilità di inferire gli stati mentali degli altri, vale a dire i loro pensieri, opinioni, desideri, emozioni e così via, e l'abilità di usare tali informazioni per interpretare ciò che essi dicono, dando significato e prevedendo il loro comportamento. Tale capacità si realizza normalmente attorno ai 3-4 anni.

 

GIOCO E INTERAZIONE SOCIALE NELL'AUTISMO 

Micheli E ., Xaiz C.
Edizioni Erickson (2001)

Questo lavoro è una raccolta di attività pratiche per insegnare a giocare e a rapportarsi con un bambino con difficoltà nella interazione sociale, nella comunicazione e nella capacità di estendere e variare interessi e attività. Queste attività sono particolarmente necessarie per un bambino con disturbo generalizzato dello sviluppo, autismo, oppure con altri disturbi come il ritardo mentale o le disabilità motorie e sensoriali che comportano limitazioni e difficoltà anche nella socialità e nella comunicazione.
Nel tentativo di comprendere queste difficoltà, le ricerche hanno dapprima considerato come primario il deficit sociale, poi quello del linguaggio, quindi è emerso il ruolo dei deficit cognitivi. La scoperta dell'importanza dei componenti base dell'intersoggettività come l'imitazione, l'attenzione cognitiva, lo scambio di turni nello sviluppo della capacità di interazioni sociali reciproche ha richiamato di nuovo l'attenzione sul ruolo della difficoltà sociale. Questo lavoro, centrato sulle difficoltà interpersonali nell'autismo e nei disturbi simili, si basa sulla convinzione che le tre aree di deficit si compenetrano l'una nell'altra in modo circolare. Scopo del lavoro è suggerire idee, specialmente appropriate per i bambini in età tra i due e i dieci anni, per favorire lo sviluppo di abilità nell'area delle relazioni all'interno di una cornice serena di alleanza con il bambino in difficoltà.
Il libro nasce da molti anni di diretta esperienza di trattamento ed educazione di bambini in collaborazione con i loro genitori. Riuscire a entrare in contatto con il proprio bambino è la più sentita necessità quando comunicare è difficile, se non impossibile; questo soprattutto quando la vita con il bambino comporta problemi di comportamento, fatica fisica, attività sociali seriamente limitate. Insegnanti, genitori e terapisti potranno trovare nel libro idee per realizzare giochi che, opportunamente coordinati e programmati all'interno di una chiara struttura e collegati agli interventi in altre aree, aiuteranno adulti e bambini a sviluppare capacità di interazione sociale.

 

AUTISMO IN FAMIGLIA: manuale di sopravvivenza per genitori  

Schopler E. (1998)
Erikson, Trento, 1999

Schopler definisce la collaborazione tra genitori e operatori dell'educazione del bambino autistico come l'incontro tra due esperti: gli operatori lo sono dell'educazione e dell'autismo in generale, i genitori sono i migliori esperti del loro bambino. In questo straordinario volume tale principio è messo coerentemente in pratica dando voce all'esperienza di molti genitori che hanno avuto successo nella gestione di vari comportamenti problematici dei propri figli.
Il libro fornisce ai genitori linee guida chiave ed esempi positivi basati sulla realtà della vita in famiglia con un bambino difficile. È anche un prezioso manuale di "modificazione del comportamento con occhi, cuore e cervello" utilissimo per psicologi, educatori medici e insegnanti.

 

 


LA COMUNICAZIONE SPONTANEA NELL'AUTISMO 

Watson L.R., Lord C., Schaffer B., Schopler E.
Erickson, Trento, 1997

Il programma TEACCH, ideato da Schopler negli Stati Uniti e ora conosciuto e apprezzato anche in Italia, attribuisce importanza strategica alla comunicazione, area in cui interviene con metodi che combinano l'approccio comportamentale e quello psicolinguistico, da cui sono stati tratti gli elementi che si sono dimostrati efficaci nell'educazione dei soggetti autistici. In questo volume tali procedure vengono approfondite sul piano operativo-metodologico; le attività proposte consentono di realizzare programmi individualizzati di lavoro su cinque ambiti della comunicazione: funzioni, contesti, forme, significati e "parole". Nell'autismo si deve dare importanza alla comunicazione, e non tanto al linguaggio verbale. Insegnare ai bambini autistici a pronunciare su richiesta qualche parola può non avere senso se poi queste parole non vengono mai usate per comunicare spontaneamente, anche solo per fare una richiesta o un'affermazione.
Questa intuizione è uno dei punti centrali del metodo TEACCH. Per raggiungere l'obiettivo della comunicazione spontanea, questo metodo suggerisce di creare nell'ambiente di vita reale del bambino (scuola e casa) quelle condizioni che lo portino naturalmente a sentire il bisogno di comunicare nel modo in cui gli è possibile, anche a prescindere dal "verbale".

 

 


ADULTI CON AUTISMO 

Hugh Morgan
Erickson

I bisogni di una persona con autismo cambiano e si evolvono nel passaggio dall'infanzia all'età adulta; eppure, la maggior parte della letteratura specifica dà scarsa rilevanza a questo fenomeno. L'opera di Morgan si prefigge di colmare questo vuoto, fornendo un'accurata descrizione dei bisogni particolari che questa condizione richiede, nell'età adulta, e fornendo consigli pratici a chi vive con il sempre maggior numero di adulti autistici.
Oltre a presentare i risultati ottenuti dalla ricerca e dalla sperimentazione in ambito internazionale, nel libro si danno utili consigli per aiutare l'adulto ad affrontare determinate situazioni fondamentali, quali, ad esempio, la transizione al lavoro e il lutto, ma si descrivono anche alcune strategie di intervento psicoeducativo per il lavoro con adulti con autismo e i servizi studiati per le loro caratteristiche. Questo volume rappresenta una guida essenziale per tutti coloro che si prendono cura di adulti autistici: dai genitori ai ricercatori, dai medici agli educatori.

 

COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA -strumenti e strategie per l'autismo e i deficit di comunicazione

Joanne Cafiero
Erickson

La difficoltà a utilizzare il linguaggio verbale, caratteristica dei disturbi dello spettro autistico (DSA), costituisce sia un grave limite per la qualità della vita delle persone che ne sono affette -- per la frustrazione data dall'incapacità di capire e farsi capire, che a sua volta dà origine a comportamenti problematici -- sia uno dei principali ostacoli alla loro integrazione sociale e scolastica. Una soluzione è rappresentata dalla Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA), ovvero un sistema che utilizza scrittura, simboli, immagini, strumenti, dispositivi o gesti per compensare le difficoltà di comunicazione.
Questo libro presenta una rassegna delle strategie e degli strumenti di CAA -- dai semplici schemi cartacei con immagini ai dispositivi con emissione di voce (VOCA) ad alta tecnologia -- spiegando nel dettaglio perché essa fornisce una risposta così efficace e appropriata per le persone affette da un DSA. Propone numerosi esempi di vita reale di persone che utilizzano la CAA, che illustrano chiaramente come tali strategie accrescano la loro comunicazione e la partecipazione all'ambiente in cui vivono. L'opera si rivolge a genitori, insegnanti e operatori.

 

IL PROBLEMA DI COMPORTAMENTO E' UN MESSAGGIO Interventi basati sulla comunicazione per l'handicap grave e l'autismo

Edward G:Carr
Erickson

L'aggressività e l'autolesionismo sono spesso una drammatica presenza nel repertorio comportamentale delle persone con disabilità di varia natura, dal ritardo mentale grave all'autismo, e sono probabilmente il maggiore ostacolo al rapporto con loro e alla loro educazione. L'aspetto innovativo del libro di Carr consiste nel proporre un'analisi del significato interpersonale di questi comportamenti. Essi sono visti come precisi atti di comunicazione, "messaggi" non sempre facili da interpretare, ma il cui senso è spesso empiricamente verificabile. Se il comportamento problema è comunicazione, lo dovrà essere anche il suo trattamento: esso perciò non può limitarsi al tentativo di ridurre o eliminare il comportamento in questione, ma deve puntare a identificarne la funzione e insegnare forme alternative e più efficaci di comunicazione.
Raccogliendo i risultati di anni di ricerca, Carr e colleghi mostrano come scoprire il significato latente, di disagio e di difficoltà di relazione, che i comportamenti problema tentano di comunicare, e come insegnare abilità che vi si sostituiscano per esprimere i bisogni e influire sull'ambiente. Spiegano passo per passo i metodi per la gestione dei comportamenti problema: analisi funzionale, scelta e insegnamento graduale di forme alternative di comunicazione, modalità di lavoro sul mantenimento e sulla generalizzazione.

 

MANUALE PECS 

Andy Bondy and Lori Frost

  

AUTISMO INFANTILE-Orientamenti teorici e pratica educativa 

Theo Peeters
Phoenix Editrice

Il volume prospetta un notevole progresso nella comprensione e nella gestione del problema: il che si traduce, in definitiva, nella riduzione della sofferenze fisiche, psicologiche e sociali di tutti coloro che sono coinvolti nel dramma dell’autismo.

 

 AUTISMO -Aspetti medici e Pratica Educativa  

Peeters-Gillberg
Il Minotauro editore
 
Allo stesso modo dei disturbi della vista e dell’udito, la causa dell’autismo è fisica, biologica e organica; al pari delle persone con disturbi visivi o uditivi, le persone con autismo necessitano di un programma di educazione specializzato e di un supporto adeguato alle loro difficoltà. Ciò è essenziale per garantire a questi soggetti una qualità di vita soddisfacente. Negli ultimi anni sono mutati radicalmente sia il contesto medico e le acquisizioni teoriche, sia l’approccio educativo all’autismo. Questi profondi cambiamenti sono oggetto del presente volume.

 

COLTELLI E FORNELLI 

Contardi, Castignani, AIPD
Erickson

Contiene 24 ricette redatte secondo criteri di «alta comprensibilità» divise in 3 sezioni -- Primi piatti (10 ricette), Secondi piatti (10 ricette) e Dolci (4 ricette) -- ognuna delle quali distingue al suo interno ricette facili e più difficili. La struttura delle ricette è stata studiata in modo da permetterne la lettura e comprensione da parte sia di chi possiede buone competenze di letto-scrittura, sia di chi, per difficoltà oggettive, deve farsi aiutare. Introducono il volume una breve guida alla conoscenza dei principali utensili da cucina e alcuni suggerimenti su come cucinare la pasta. All'interno delle singole ricette, icone colorate permettono di seguire con maggiore facilità le varie fasi di lavorazione. Il libro si conclude con indicazioni su come organizzare 4 menu utilizzando i piatti proposti e pratiche liste per la spesa ritagliabili e fotocopiabili, divise per gruppi di alimenti.

 

PASSI PER L’INDIPENDENZA 

Strategie e tecniche ABA per una educazione efficace nelle disabilità
B. L.Baker, A. Brigthman
Vannini Editrice 

Questo manuale da oltre 25 anni rende questo cruciale compito più semplice, e costituisce una guida illustrata estremamente concreta con solide basi scientifiche per familiari e professionisti al fine di gestire le difficoltà evolutive fino all’età adulta. Il libro costruisce percorsi guidati secondo un approccio step-by-step per realizzare il miglior livello di indipendenza possibile nella aree di vita fondamentali: cura della propria persona, controllo sfinterico, cura del proprio ambiente, gioco, abilità comunicative, relazionali e di autodeterminazione. La quarta edizione è particolarmente attenta ai problemi comportamentali. Per il contesto italiano questo libro può essere considerato compendio dell’approccio ABA (Analisi Applicata del Comportamento) ad uso dei familiari, degli educatori, psicologi e assistenti alla persona che potranno trovare validi spunti per la costruzione di curricoli educativi individualizzati. Apprendere, crescere e sorridere è sempre possibile.

 

IMMAGINI PER PARLARE -   Percorsi di comunicazione aumentativa alternativa per persone con disturbi autistici

P.Visconti, M. Peroni, Francesca Ciceri.
Vannini Editrice

Questo manuale è stato concepito per cercare di “insegnare a comunicare” a persone con disturbi dello spettro autistico. Il libro è un connubio tra teoria e pratica, letteratura scientifica ed esperienza, con esempi e immagini facilmente trasferibili nel contesto educativo/abilitativo. Viene presentato il percorso di apprendimento del sistema PECS che, oltre a essere compatibile con altre proposte abilitative, come ad esempio l’approccio TEACCH, ha effetti positivi sul comportamento, sullo sviluppo della comunicazione e del linguaggio. Vengono illustrati gli elementi teorici di riferimento, la metodologia di assessment, strategie di apprendimento e di comunicazione, esempi di integrazione del PECS con altri approcci calati nella realtà scolastica italiana e 20 schede pratiche illustrate per la generalizzazione degli apprendimenti.

 

COSTRUIRE LIBRI E STORIE CON LA CCA 

M. A. Costantino
Erickson

L’ascolto di letture ad alta voce è un’esperienza precoce importante per i bambini, che sostiene lo sviluppo emotivo e contemporaneamente quello linguistico e cognitivo. I bambini con disabilità, soprattutto con bisogni comunicativi complessi, potrebbero trarre enorme beneficio, sul piano sia evolutivo sia del «solo» benessere, da questa esperienza, ma spesso purtroppo sono proprio quelli a cui si legge meno e più tardi e per i quali si stenta a trovare libri adatti.
Nato dall’intreccio tra conoscenze nel campo della CAA (Comunicazione Aumentativa e Alternativa), sperimentazione ed esperienza clinica quotidiana con le famiglie, i bambini, le scuole e gli operatori dei servizi, questo libro presenta gli IN-book, libri illustrati con testo in simboli realizzati «su misura» per il singolo bambino, a partire da opere di letteratura per l’infanzia o dai suoi vissuti, che diventano strumenti per l’inclusione e il supporto allo sviluppo di tutti i bambini.
Dopo una panoramica sull’importanza della narrazione nella storia dell’uomo, sulle specificità della comunicazione cooperativa umana, sui bisogni comunicativi complessi e sugli elementi principali dell’intervento di Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA), vengono approfonditi gli aspetti più pratici della costruzione e dell’uso degli INbook: scelta del libro e dell’argomento, modelli di riferimento e adattamenti per consentire un’adeguata fruibilità (struttura del testo e della frase, simboli, illustrazioni, formati, ecc.)

 

PER IL WEEKEND VADO IN VILLA - Un modello nuovo di programma respiro per persone con autismo. 

D. Del Duca, C. Raffin, Emanuela Sedran

Questo libro racconta come delle persone con autismo, indipendentemente dalla severità del loro disturbo e dalla loro età, possano vivere a piccoli gruppi omogenei un fine settimana ogni tanto fuori casa, in una struttura pensata per loro e con un programma rispettoso della loro diversità.

 

AUTISMO:MODELLI APPLICATIVI NEI SERVIZI -  Realizzazione di un programma psicoeducativo mediante la formazione in service
 
T. Lomascolo, A. Vaccaro, S. Villa
Vannini Editrice

Il libro descrive i temi cruciali attraverso un taglio molto pratico che deriva proprio dal fatto di nascere dalla prassi di intervento, dalla rielaborazione e dal confronto fra operatori (educatori, tecnici, dirigenti) coinvolti direttamente nei servizi per persone con autismo. Ne esce un quadro di sistematica verifica dell’efficacia pratica (effectiveness) dell’approccio TEACCH, resa esplicita dal confronto statistico degli esiti riscontrati nei vari centri e tra le diverse abilità, e che sottolinea le possibilità offerte da questo sistema.

 

L’ASSESSMENT DEI COMPORTAMENTI PROBLEMA 

Valutare le condizioni specifiche e impostare il trattamento
M. Demchak, K.W. Bossert
Vannini Editrice

Questo assessment funzionale, o analisi funzionale, del problema consente di formulare ipotesi o teorie relative allo scopo del comportamento e alla relazione tra il comportamento e l’ambiente.

 


PIANIFICARE OBIETTIVI E PRENDERE DECISIONI  - Percorsi educativi per bambini con disabilità dello sviluppo

D. Sands, B. Doll
Vannini Editrice

Autonomia, autodeterminazione ed empowerment sono i principi di base sociali dell’educazione e obiettivi comuni sia ai bambini con disabilità che a quelli con sviluppo tipico. Il libro fornisce principi e strategie da utilizzare in modo specifico con bambini con ritardo mentale o disabilità dello sviluppo, illustrando ogni passaggio dell’intervento educativo con esempi pratici in vari contesti (scuola, casa, lavoro, ambienti sociali).

 

COSTRUIRE L’INDIPENDENZA 

F. fioriti
Vannini Editrice

Il libro intende sistematizzare un percorso sviluppato all’interno di due servizi residenziali di comunità alloggio nel corso degli ultimi due anni. Il percorso promosso ha cercato, con tutti i limiti, imperfezioni e perfettibilità, di rendere reali, concreti e vissuti alcuni concetti cardine che emergono ormai sempre di più in letteratura come qualità della vita, indipendenza, logica dei supporti, rendere intelligibile e concreto lo spazio e il tempo. Per una persona con disabilità intellettiva e relazionale con problematiche psicopatologiche associate è sicuramente importante poter sperimentare indipendenza, protagonismo, controllo sulla propria vita, partecipazione alla vita sociale.

 

AUTISMO E LOBI FRONTALI - Alla ricerca delle basi anatomiche di un enigma. 

Mario Lambiase
Vannini Editrice

Si tratta di un saggio sulle basi anatomiche dell’autismo, che riporta gli esiti di un’analisi minuziosa della letteratura esistente sulle alterazioni anatomiche, anatomo-patologiche e funzionali (SPECT, PET, TAC) sulle diverse aree corticali e sottocorticali del cervello, a cui poter rapportare sintomo per sintomo la complessa fenomenologia dell’autismo. Vengono integrate le evidenze cliniche e sperimentali più aggiornate.

 

AUTISMO E AUTONOMIE PERSONALI -  Guida per educatori, insegnanti e genitori

F. Caretto, G. Dibattista e Bruna Scalese
Erickson

Questa guida rappresenta un sostegno concreto ai genitori, agli educatori e, in generale, ai caregiver che desiderano affrontare un percorso di educazione all’autonomia con persone con autismo. Spiega come valutare le abilità di autonomia, quali sono i prerequisiti necessari (attentivi, motori, cognitivi), come progettare l’intervento educativo, quali sono gli ambiti di intervento e i problemi specifici da affrontare.

 

SINDROME DI ASPERGER E SESSUALITA': dalla pubertà all'età adulta" 

Hènault
LEM Libraria

Il programma di educazione socio-sessuale di Isabelle Henault per persone con Sindrome di Asperger è uno strumento oggi fruibile in italiano.
Può essere adattato alla realtà della nostra cultura e alle persone che lo utilizzeranno, ma la sua esistenza non può essere ignorata.

 

PARENT TRAINING NELL’AUTISMO - Programma per la formazione e il supporto dei genitori

C. Vio, C. Menazza, B. Bacci
Erickson 

La cura e la crescita di un bambino con autismo richiede ai genitori l'acquisizione di specifiche competenze utili a comprendere i bisogni del figlio e a evitare involontari errori educativi che potrebbero da una parte rinforzare alcuni comportamenti problema e dall'altra generare sentimenti di inadeguatezza e frustrazione. Il programma di parent training presentato in questo libro consiste di 9 incontri pensati per fornire sostegno psicologico alle famiglie con un bambino autistico, con l'intento di creare per loro uno spazio di condivisione emotiva dove possano esprimere i loro timori, esperienze e speranze.

 

 

 

 

ACTIVITY SCHEDULES FOR CHILDREN WITH AUTISM - Teaching independent behaviour

McClannahan- Krantz

Schedules per ridurre la supervisione dell’adulto nei bambini con autismo.
Genitori e professionisti troveranno istruzioni dettagliate e esempi per come realizzarle: preparare una schedule, insegnare al bambino come leggere una schedule, processo di monitoraggio, espansione delle abilità sociali, passaggio a schedule scritte.
Basato su un decennio di condotta al Princeton Child Development Institute, Activity Schedules for Children with Autism offre strumenti di insegnamento per aiutare I bambini con autismo ad utilizzare efficacemente il tempo non strutturato, accettare I cambi di routine, scegliere tra attività. Può essere utilizzato con efficacia in bambini, adolescenti e adulti con autismo, ricompensandoli per un maggiore controllo delle loro vite.

 


A WORK IN PROGRESS - Behavior Management Strategies and a Curriculum for Intensive Behavioral Treatment of Autism

Ron Leaf- Johm McEachin

Programmi completi per incrementare abilità nei soggetti con autismo.

 

BREAKTHROUGHS- How to reach Students with Autism. A hand-on, how-to manual for teachers and parents

Karen Sewell 

Esauriente manuale per insegnanti e genitori per l’insegnamento di matematica, lettura, motricità fine, autonomie, abilità. Fornisce numerosi piani di lezione riproducibili e liste di risorse necessarie per organizzare la classe, le lezioni e le attività.

 

MAKE A DIFFERENCE - Behavioral intervention for autism 

Maurice-Green-Foxx

Principi di analisi comportamentale e loro applicazione negli interventi per l’autismo.

 

PEER PLAY AND THE AUTISM SPECTRUM - The art of guiding children’s socialization and imagination 

Pamela J. Wolfberg

Molti bambini autistici trascorrono il loro tempo soli e svolgendo attività ripetitive e senza immaginazione, con notevoli difficoltà di inserimento in un gruppo di gioco di coetanei. Questa guida pratica offre un’introduzione ai principi base, strumenti e tecniche per l’integrazione a scuola , casa e comunità.

 

THINKING ABOUT YOU, THINKING ABOUT ME 

Michelle Garzia Winner

Esplora la natura critica dell Teoria delle mente nell’interazione giornaliera e la sua importanza in un setting scolastico. Offre una miriade di attività terapeutiche per bambini e adulti. L’autrice spiega come valutare le abilità astratte e come stabilire quail student beneficeranno di questo trattamento.
 
 

A SOCIAL THINKING TEACHING CURRICULUM 

Michelle Garzia Winner

Creato su richiesta di educatori, terapisti, genitori per apprendere come insegnare algi student con difficoltà cognitive e nelle relazioni sociali. Diviso in 8 capitoli, spiega come insegnare lavorare all’interno di un gruppo tramite, l’automonitoraggio, produrre risposte verbali e non verbali, suggerimenti, mentre si forniscono strategie per lavorare nella complessa area sociale.

 

PREPARING FOR LIFE: The Complete Guide for Transitioning to Adulthood for those with Autism and Asperger’s Syndrome

Jed Baker 

REalizzato per la vita dopo la scuola superiore, offre spunti per I segnali non verbali, linguaggio del corpo, frustrazione e ansia, coltivare amicizie, e relazioni intime. Focalizza su abilità di conversazione e abilità lavorative, i modi per equilibrare scuola/lavoro con le richieste della famiglia e aree problematiche come finanza, emergenze e trasporti.

 

AUTISM AND THE TRANSITION TO ADULTHOOD 

Wehman-Smith-Schall
Brookes

Descrive i passi specifici per adolescenti e giovani adulti con autismo per raggiungere il loro completo potenziale. Il libro fornisce checklists, schede pratiche, esempi, consigli sulla valutazione di abilità, supporti al comportamento positive, impiego integrato, opzioni dopo le superiori, e navigazione nel mondo dei servizi per l’adulto e pianificazione dei benefici. Sono inoltre illustrati tre casi di giovani con differenti abilità, bisogni e sfide.

 

THE SOCIAL SKILLS PICTURE BOOK

Jed Baker
Future Horizons

Offre un format visivo di apprendimento. Mostra foto di studenti che si cimentano in varie situazioni sociali mostrando il modo di interagire in differenti situazioni sociali. Illustrano le conseguenze positive e negative di entrambi i modi di reagire. Il libro offre anche istruzioni per studenti e famiglie per creare il proprio libro sociale. Indirizza inoltre verso situazioni di vita reale che sono importanti per gli adolescenti come: farsi nuovi amici, chiedere a qualcuno un appuntamento, svolgere compiti difficili a scuola, essere intervistati per un lavoro, ecc

Lasciaci la tua e-mail, ti terremo aggiornato!

Grazie per la tua mail!